Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
C' era una volta
       

Agli inizi di settembre il sagrato della Chiesa Matrice di Santa Maria Maggiore verrà sottoposto ad un radicale cambiamento difatti una gentile e generosa persona dardaghese, sentito il parere del Pievano e del Consiglio degli affari economici, constatato assieme ai suddetti che la lunga siepe di lauro prospiciente la chiesa verso il lato nord è vecchia, malata a tratti e cresciuta a dismisura nascondendo addirittura la visibilità della chiesa stessa, constatato altresì che gli alberi piantumati nella parte frontale alla chiesa sono troppo vicini tra di loro e che le loro fronde crescono di anno in anno in maniera esagerata, si è interessato personalmente, sia materialmente che economicamente, affinché la suddetta siepe ed i predetti alberi vengano rimossi e che la siepe sia sostituita con una di bosso, intervallando in essa, ogni 5 metri, degli alberelli più alti di specie ancora da definire.
I sette agrifogli posizionati lungo il vialone centrale rimarranno al loro posto, anzi vicino al monumento ai donatori di sangue ve ne sarà piantumato un altro; anche i due ulivi, ora molto sacrificati e soffocati da altri alberi rimarranno dove sono, i due mirabolani, la tuia e la magnolia verranno tolti. Il pozzo e gli altri resti lapidei non saranno rimossi.
Sarà altresì livellata e riseminata la parte ora ricoperta d'erba del sagrato stesso. Verranno anche posizionati due potenti fari per illuminare la bella facciata della nostra chiesa, perché si è accertato che di notte il sagrato e la stessa chiesa sono in una zona di penombra e ai più è sembrato doveroso far risaltare l'imponenza dell'edificio sacro.
Vi proponiamo delle foto, ricavate dall' archivio del sito www.artugna.it, riguardanti il sagrato e la chiesa di Santa Maria Maggiore, scattate in epoche diverse dello scorso secolo, si avrà così modo di vedere i vari mutamenti che vi sono stati nell'arco di circa cento anni.
Vi proponiamo anche la visione attuale della siepe e del sagrato di modo che ognuno possa rilevare la necessità di un così drastico intervento. Vi terremo poi informati, in special modo attraverso immagini, sull'inizio, il proseguimento e se Dio vorrà sul termine dei lavori.

Il nostro Blog    
Se vedòn….
     
     

 
       

     

     

     

     

     

     

       
       








































































































































































Loading